Dopo la Befana, due settimane di dieta detox

Condividi su facebook
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Dr. Francesca Calandriello
Biologo Nutrizionista, Erborista & Professor a.c. Università di Bologna

Compaiono silenziosi dopo le feste, alle porte dell’anno nuovo si affacciano con sguardo sornione sono loro, i tanto odiati sensi di colpa!

Sì perché in un anno difficile come il 2020 stringersi nel calore degli affetti e cullarsi con consapevolezza nel buon cibo ha esorcizzato la paura e l’ansia di tutti noi e quindi via larga a pandoro, panettone, panone, ma anche al bis di tortellini, alle lasagne alla bolognese, all’arrosto con le patate e chi più ne ha più ne metta!

Ha inizio il nuovo anno e con lui hanno inizio i buoni propositi, il primo fra tutti, dettato anche da un generale senso di gonfiore e pesantezza, è: da lunedì dieta!!! (il mio “da lunedì dieta” compie oramai 18 anni…), allora ecco alcuni consigli per le prossime 2 settimane di “detox” vero, non quello di diete estreme o digiuni massacranti.

Premesso che, la dieta va sempre personalizzata sulle esigenze e sulle eventuali problematiche, alcuni consigli possiamo metterli in atto tutti, con responsabilità:

CHE COSA BEREbeviamo molto, distribuendo correttamente i liquidi nell’arco della giornata, 2 litri o anche qualcosa di più sfruttando anche tisane che ci aiutano a stemperare l’eccesso di fame. Possiamo scegliere quelle carminative per eliminare la sensazione di gonfiore, drenanti, oppure, se ci sentiamo costipate, quelle in grado di favorire il transito intestinale,

SÌ ALLE VERDURE – meglio se verdure crude, se non ci sono problemi intestinali, perché ricche di fibre che riducono l’assorbimento degli zuccheri e di sali minerali che intervengono nella biochimica corporea. Tra le verdure preferiamo quelle amare, radicchio, cicoria, carciofo invernale, in modo da sostenere il fegato provato dopo le abbuffate,

NIENTE DOLCI  –  bandiamo i dolci per 15 giorni, direi che le scorte possono rimanere nello scomparto più inaccessibile della dispensa

NIENTE FORMAGGI – mettiamo da parte formaggi e latticini, sono poco sazianti e hanno un alto contenuto calorico, concediamoci soltanto lo yogurt magro

PROTEINE – introduciamo proteine altamente biodisponibili come uova, pesce e carni bianche

NIENTE PASTA – invece della pasta, portiamo in tavola delle minestre calde e fumanti, così aumentiamo ancora l’introito di liquidi, ci scaldiamo dal freddo e umido inverno e sfruttiamo anche le proprietà nutritive dei legumi e dei cereali integrali

ATTENZIONE AI CONDIMENTI – evitiamo maionesi e salse e condiamo il tutto con un sano olio extravergine di oliva!

Diamo spazio al movimento, prendiamoci tempo per coltivare nuove passioni, diventiamo consapevoli della nostra alimentazione, impariamo a dare il giusto peso a quello che succede.. il mio augurio per voi?

Che sia un 2021 all’insegna del Ben-Essere!

Dr. Francesca Calandriello

Dr. Francesca Calandriello

Francesca Calandriello, è una Dietista, un Biologo nutrizionista, un’Erborista e un Professore a.c. dell’Università di Bologna dove insegna Piante officinali e integratori alimentari e Botanica Farmaceutica Sistematica.

Dr. Francesca Calandriello su Budrio Welcome
Visita il sito di Dr. Francesca Calandriello o seguila su Fabcebook

Potrebbe piacerti anche...

articoli dello stesso autore