L’aspirina al bordo della strada

Condividi su facebook
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Nel 1899, il gigante farmaceutico Bayer introdusse sul mercato l’aspirina; questo medicinale deriva da una curiosa sostanza estratta dalla corteccia del salice bianco (Salix alba), da chimici francesi e tedeschi nel XIX secolo, che venne denominata “salicina”.

Questo portò alla scoperta dell’acido acetilsalicilico nel salice, ma anche nell’olmaria (Filipendula ulmaria) il nostro eroe della strada.

Ma partiamo dall’inizio: attualmente l’olmaria è quasi del tutto ignorata, ma in passato era molto conosciuta e salvaguardata. Denominata originariamente da Carl Linnaeus Spirea ulmaria divenne importante quando, intorno al 1845, Hermann Kolbe riuscì per primo a isolare l’acido salicilico, per distillazione dai fiori.

Sapete che nella storia dell’aspirina compare anche un italiano? Il chimico italiano Raffaele Piria che grazie ad un paziente metodo di ricerca sperimentale riuscì a scoprire la struttura chimica della salicina. E che il suo nome Spirea deriva da speirache significa spirale riferendosi proprio alla forma dei fiori?

Dr. Francesca Calandriello

Dr. Francesca Calandriello

Francesca Calandriello, è una Dietista, un Biologo nutrizionista, un’Erborista e un Professore a.c. dell’Università di Bologna dove insegna Piante officinali e integratori alimentari e Botanica Farmaceutica Sistematica.

Dr. Francesca Calandriello su Budrio Welcome
Visita il sito di Dr. Francesca Calandriello o seguila su Fabcebook

Potrebbe piacerti anche...

articoli dello stesso autore