Multe in un bar di Budrio per violazione delle normative anti-Covid

Condividi su facebook
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Non è facile resistere al desiderio di un buon caffè servito al bar. Per alcuni avventori e anche per alcuni baristi è un’abitudine che si scontra con le limitazioni e con l’accavallarsi di ordinanze.
E proprio in un bar di Budrio i Carabinieri del Comando Provinciale di Bologna hanno applicato una multa e la chiusura forzata per 5 giorni per violazione della normativa che prevede solo l’asporto da parte degli esercizi di bar e ristorazione.
È avvenuto nella giornata di ieri, 11 gennaio, perché all’interno del locale si stavano servendo alimenti e bevande ai clienti “che avevano preferito la consumazione sul posto all’asporto per ripararsi dal freddo”, ha riferito l’Arma.
Il caffè al banco è costato caro anche ai clienti che hanno rimediato una multa da 400 euro a testa.
Ricordiamo che i bar e i ristoranti sono chiusi ed è possibile solo l’asporto, e che anche sulle modalità dell’asporto si può incorrere in sanzioni.
sul come si asporta e dove si può consumare, che sono nate le ambiguità e che possono costare salate sanzioni. Quando si ritira la consumazione in contenitori o sacchetti da asporto, ci si deve allontanare dal locale. Non si può infatti sostare davanti al bar in piedi, e nemmeno sedersi alla prima panchina anche a decine di metri. Ci si deve proprio allontanare, portando cibi o bevande in un luogo distante e non nelle pertinenze del servizio pubblico, in quanto vietato consumare su area pubblica. In caso contrario la multa di 400 euro è sia del cliente che del barista.

Iscriviti alla nostra newsletter